mercoledì 11 gennaio 2012

il Nulla che uccide



Le giornate trascorrono trascinate da una valanga di aria fritta.
Mi sembra di nuotare contro corrente.
Creare, creare è un moto di disperazione e leggero come una farfalla lacera il tempo, spacca la decenza e divide di netto l'avvenimento dalla decorazione perbenista di tutta la brava gente che fa arte o che fa routine con la stessa nuda, inutile apparenza.

2 commenti:

  1. uh! pensavo che anche tu avessi rivisto La storia Infinita :)

    RispondiElimina
  2. lo porto nel cuore,ma il figlio grande è troppo grande, il piccolo è troppo piccolo, e nella versione rimasterizzata il Fantadrago è interpretato da un peluche infeltrito che mi ammazza un po' la poesia... o sono io che sto invecchiando? O_O'

    RispondiElimina