sabato 16 gennaio 2016

C'è differenza tra performare e recitare!

Afrodite Superstar

Michele Capozzi stasera presenterà il film di Candida Royale, al cinema Massimo di Torino, ore 22.30. Grande amico e collaboratore, non so se al momento esiste persona migliore a cui far introdurre "Afrodite Superstar"!
Ne sono commossa. Grazie per questa bella perla!

giovedì 14 gennaio 2016

Mignottoterapia

Mignottoterapia con l'amica siberiana. Giovedì mattina, corso Buenos Aires, dopo lo yoga è il momento della mignottoterapia e la mia amica Julia, raminga, modella e performer, è un'esperta. Questo percorso consiste nello sperimentare in situazioni sociali un registro antiborghese al fine di elasticizzare i propri confini espressivi e quindi ammorbidire la rigidità con la quale tendiamo a fissare la nostra immagine sociale. È un brivido di brio che sfida e ripristina le scorte di coraggio e ci rinfresca lo sguardo su un mondo che troppo spesso tende a una grigia fissità.

Passo numero 1: L'abbigliamento.
Vestiti da troia.

Passo numero 2: I drink.
A ogni bar bevi un drink dal colore acceso e a tasso alcolico non da frocetta.

Passo numero 3: Fumare.
Consigliamo sigarette fatte al momento, con cartine lunghe e filtri biodegradabili. La sigaretta si può spegnere e riaccende più volte strappando via il pezzo bruciato per limitare l'odore che impregna le tasche dove riponi il mozzicone da resuscitare.

Passo 4: Socievolezza.
Attacca bottone con tutti. Conversa anche di cose private con le commesse. Mostra i reggiseni appena comprati, dì che il pigiama non ti serve perché dormi nuda, ecc.

Passo 5: Smanaccia.
Tocca tutto, senza scrupoli, se la merce è esposta a portata di mano allora perché scegliere di inibire l'istinto del tocco? Tocca, fa cadere le cuccette, friziona la materia, godi, annusa.

Passo 6: Sconti.
Fai impazzire il commesso (con la parlata da super checca) per aver sedotto il venditore di castagne che ti insegue nel negozio e mentre tutti ti dicono "miao, gattona" parte il balletto a ritmo di musica e a ritmo di applausi che manco in Pretty Woman.

Passo 7: Mostrare il culo.
Ovunque. Ad esempio dal finestrino dell'Enjoy al semaforo.

Optional: impatàccati i collant nuovi e vai a prendere tuo figlio alle elementari assomigliando alla sorella maggiore punk appena tornata da un rave!

Infine: ringraziamo per la nostra Buona Stella. Non tutti si sanno mantenersi in salute con l'anticonformismo radicale!
Grazie!

mercoledì 6 gennaio 2016

Amiche maiale e compleanni Atomici!

Una Carbonara zozza ci scrive!

"Cara Mariatinka e caro Nicola,
Ho appena letto l'ultimo post sul blog ed eccomi qua! Ci siamo conosciuti alla ladyfest di Milano un anno e mezzo fa, ma vista la quantità di gente che c'era in quei giorni dubito che vi ricordiate di tutti :)
Il mio 2016 è iniziato con delle porcate in spa. Il mio moroso conosce la mia passione per l'acqua calda e per natale mi ha regalato qualche giorno di vacanza alle terme. Tra una sauna e l'altra, approfittando del fatto che fa buio presto, l'ho portato in un angolo della piscina all'aperto. Mi sono tolta il costume e ho cominciato a baciarlo e a strusciarmi contro di lui. Lui mi ha infilato due dita nella fica e una nel culo e ce le ha lasciate finché non mi ha fatto venire. A quel punto siamo usciti dalla piscina e ci siamo diretti verso la grotta di sale che è sempre deserta (chi cazzo ci va nella grotta di sale?) e lì gli ho succhiato il cazzo finché non ho sentito la bocca che mi si riempiva di sperma. Buon inizio anno anche a voi!

Amanita Phalloides (abbiamo sostituito il nome autentico con uno pseudonimo per il web)"

Grazie Amanita. 
Divulghiamo, col tuo consenso, perché il bene erotico nel condividerlo si moltiplica! Come i pani e i pesci in mano al Cristo! ;)
Qualcuno ha già pensato a una petizione per chiedere al Vaticano di rendere pubblici i testi superstiti di Diogene? Superstiti dall'epurazione millenaria del Vaticano che ha spacciato Platone come voce della filosofia greca, con grande danno all'umanità tutta, tuttora in piena devastazione! In questi giorni in grande estimatore, forse un erede post moderno festeggia ottant'anni!  
Auguriiii all'Atomico!


martedì 5 gennaio 2016

Più seghe, meno sigarette

Sessione FUMO - Conversazione tra il Signor F e me


F: Buongiorno, ho appena sistemato tutto: fammi sapere l'orario (per me sarebbe meglio il pomeriggio)
Me: Ottimo! Ma penso più verso ora di cena o dopo cena
F: per le 16-16,30 non è possibile?
Me: Provo... ma non sono certa di riuscire a ritagliarmi la privacy necessaria a trasmettere
F: Dai..tanto non sarà necessaria troppa privacy, ma ti devo chiedere un favore: non voglio altro che una smoking session, nient'altro: è la prima e credo l'unica volta e vorrei essere tranquillo di non fare niente di male, ti prego di usare la massima discrezione
Me: Non ho idea di cosa intendi con "male" e "discrezione". Spiegami. Di solito ho fumato per amatori del genere all'interno di sessioni chiaramente erotiche. Quindi devi spiegarti nel dettaglio
F: Ok, non voglio niente di erotico...intendevo questo
Me: Certo che sei perverso assai!
F: Io? Al contrario!!!
Me: Perversione è quando la libido viene deviata, sublimata... Va beh, non c'è nulla di male. Mi impegnerò a essere poco erotica .... Difficile, ma mi impegno. Mi posso truccare? Vestita?
F: Scusami, forse mi sono spiegato male: intendevo dire niente nudità. A me basta vederti fumare in modo sensuale, l'erotismo cercherei di concentrarlo tutto nell'atto del fumare...mi spiego?


La videoconferenza si svolge verso le 16:20 e ho pensato che sia utile per tutti condividere le esperienze, con la dovuta assoluta discrezione su chi è coinvolto. Questo perché ci sono molti Signori F a esitare, desiderare e sentirsi quasi in difetto. Triste è pensare d'essere sbagliati quando si cerca l'amore carnale, il piacere e la gioia. Confondere la perversione con il suo opposto è frutto della nostra cultura manipolativa che così ci confonde.
Ed è per tutti i Signori F (ma anche per gli altri) che racconto quanto segue.
Perverso non è sinonimo di sessuale, anzi! Perverso è quando la sessualità, sotto la pressione di divieti, colpe e paure, cambia la sua direzione "naturale" che per gli adulti è considerata quella genitale: orgasmi genitali. Non che io sia una fanatica del concetto di naturale, per me tutto ciò che avviene è chiaramente naturale. Io sono natura quindi ciò che faccio è naturale, ma diciamo che in ambito sessuologico più un istinto sessuale prende pieghe lontane dall'eiaculazione (femminile/maschile) più è considerato deviato ed è interessante notare quanto nell'uso comune spesso viene insegnato l'opposto.
Questo per dire che non è che più ti allontani dal classico genitale meno sei zozzone, anzi, più fai il pudico più le tue necessità prendono strade traverse. Donne isteriche e uomini feticisti e frustrati... Niente di male nel feticismo anzi io adoro i feticismi, sono intelletto e cultura, se non vi sentite sporchi e sbagliati. Non che soffrire sia male, ma spesso si traduce in scelte extra sessuali a forte impatto sociale. Sublimazione sessuale talmente acida da corrodere... No... qui consiglio una sana masturbata.
Detto ciò preciso che per me zozzone vuol dire VIVO. L'energia sessuale è vita e farla esprimere nella sessualità esplicita è una modalità esistenziale ecosostenibile!
L'erotismo e la lussuria femminile e maschile hanno due diversi ruoli sociali e questo perché la tecnocrazia socioculturale dell'umanità ha gestito l'impulso femminile e quello maschile in modo diverso. Non che in natura siano molto diversi, ma noi siamo stati specializzati per funzionare in modo preciso e controllabile. Si: controllabile. Né più né meno delle vacche e dei tori, dei polli e dei galli eccetera. Del resto chi la fa, la fa perché la conosce.
Dunque noi si fa la videoconferenza.
Fumo svariate sigarette, di una marca pesantissima che un amico aveva lasciato a casa. Sento il fumo accecarmi, ma l'idea che possa far rizzare il cazzo del signor F mi attizza e in apnea mi tuffo nel denso fumo bianco che esce dalla mia bocca enormemente spalancata.
Il signor F mi guida nelle pose e nelle pratiche che lui apprezza di più e alla fine si masturba ed eiacula. Se non avesse eiaculato mi sarei sentita offesa e mi sarei seriamente preoccupata per lui.
Non abbiamo fatto nulla di male?
No, signor F. Questo che abbiamo fatto è bene. Oddio! Fumare mi ha fatto un po' male, ma segarsi non ha fatto affatto male. Anzi è bene. E' amore. E' ricchezza. Questa è la pace nel mondo! E io mi sento molto onorata di averti ispirato la sega!
Più seghe e meno sigarette.
Più sborra, più squirt, più orgasmi... il resto sono pippe che non riuscendo a godere nella carne affollano la mente e accecano, confondono, spaventano.
Grazie.
Possiamo ancora farcela... l'umanità può ancora evolvere!
Love,
Rg


domenica 3 gennaio 2016

Perché fare porcate a capodanno?

Anche Rosario Gallardo ha un gruppo segreto su Facebook, nessuno è perfetto.
In ogni caso è un esperimento interessante che ci fornisce spunti interessanti. Per esempio ieri, candidamente, dopo aver postato qualche immagine tra le mille scattate durante la nostra gita di capodanno, ho chiesto al gruppo: "Ma voi porcate a capodanno non ne fate?". Un modo come un altro per esortare alla condivisione.

capodanno
preparando il cenone
Sulle prime mi hanno risposto tre uomini, ammettendo di non aver fatto nulla di erotico durante la notte di San Silvestro. Fin qui tutto bene: non avete fatto nulla, ma guardatevi le nostre foto ché sognare non costa nulla e mantiene lubrificati gli ingranaggi della fantasia, necessari a non finire tra le già nutrite schiere dei Grigi.

Successivamente è il turno di una ragazza, che racconta di una scopata romantica col suo lui. Niente foto, dice, ma una scopata romantica è sempre una gran cosa. Adoro. Peccato non aver potuto apprezzare nemmeno un'immagine, ma un buon anno a entrambi.

Poi altra donna, domanda secca: "E' necessario a capodanno?"
Ma che strana domanda! Non ne colgo la retorica, sebbene sarei molto interessato a comprenderla appieno. Mi domando se è necessario confrontarmi con chi si pone un quesito che lo pone così lontano da me.

Per quanto mi riguarda è necessario sempre, ogni giorno. Ne ho fatto uno stile di vita, un'attività artistica e politica, non te ne eri accorta? Come ha fatto a finire nel gruppo segreto qualcuno a cui viene da domandarsi se è necessario fare sesso e narrarlo al mondo?
Per quanto riguarda il capodanno, la cosa è ancora più importante perché soddisfa tutti i miei bisogni apotropaici: sono profondamente convinto che non fare porcate a Capodanno porti sfiga (è il 3 gennaio, siete ancora in tempo).

Ma poi, perché non farle?

Forse la nostra gnostica sta attraversando un suo periodo critico e si domanda cose che domanda a noi. La mia risposta è secca. SI, È MOLTO NECESSARIO. Più del cenone, del pandoro, degli auguri per telefono, del conto alla rovescia e del consueto tirare le somme di fine anno. Di più, è necessario fare pratiche di lussuria straordinaria. Lo dice la storia del'uomo, più antica del cristianesimo, più duratura della civiltà contemporanea. Lo dice la mia esperienza e il mio buon senso. Cara amica, hai un demone che ti rosica. Aiutati: esagera! È necessario, anzi, è la tua unica chance!

P.S. Se volete far parte della carboneria, scrivete a photogallardo@gmail.com e spiegateci perché.

lunedì 21 dicembre 2015